RILEVAZIONE DEI DATI SUI FLUSSI TURISTICI TRAMITE L’APPLICATIVO SPOT. INDICAZIONI.

...

05/04/2019

Adempimenti concernenti le novità normative

La Legge Regionale n. 49/2017 “Disciplina della comunicazione dei prezzi e dei servizi delle strutture turistiche ricettive nonché delle attività turistiche ricettive ad uso pubblico gestite in regime di concessione e della rilevazione dei dati sul movimento turistico ai fini statistici”, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 136 del 4 dicembre 2017, ha modificato la disciplina dei dati di flusso ed in materia di comunicazione dei prezzi dei servizi (CPS).

In particolare la norma regionale riguarda tutte le strutture turistiche ricettive alberghiere - alberghi, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi dimora storica - residenza d’epoca - alberghi centro benessere ed extralberghiere - villaggi turistici - campeggi - mini aree di sosta - residenze turistiche o residence - casa e appartamenti per vacanza, gestite in forma imprenditoriale e non occasionale - agriturismo - bed & breakfast escludendo le attività turistiche ricettive ad uso pubblico gestite in regime di concessione.

I titolari delle suddette strutture sono tenuti ad inviare, entro il giorno 5 di ogni mese, i dati relativi alla movimentazione turistica dei giorni del mese precedente (arrivi, partenze, assenza di movimento ad esercizio chiuso) all’Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione mediante l’apposito applicativo informatico denominato SPOT (Sistema Puglia per l’Osservatorio Turistico).

L’Agenzia Pugliapromozione provvede, entro la prima decade del mese di maggio, di ottobre e di febbraio, all’estrazione dal sistema dell’elenco delle strutture inadempienti con riferimento alla data del giorno 5 di ogni mese per la movimentazione relativa ai giorni del mese precedente comunicando a ciascun Comune gli esiti delle verifiche con successiva applicazione delle sanzioni per le ipotesi di inadempienza totale (€ 1.200,00) o parziale (€ 200,00), applicabile per tre volte durante lo stesso anno, di competenza del Settore Sicurezza Urbana secondo il procedimento disciplinato dalla Legge 24 novembre 1981, n. 689 fermo restando le competenze dell’autorità di pubblica sicurezza contemplate da norme statali.