Cisternino Borgo di Luce - Natale 2020

...

Dal 19/12/2020 al 14/02/2021

“La Natività nel bosco dei sette bauli”: Centrini e merletti prendono nuova vita con la scenografica installazione

Centrini e merletti prendono nuova vita con la scenografica installazione

CISTERNINO BORGO DI LUCE
“La Natività nel bosco dei sette bauli”

Da sabato 19 dicembre (ore 18) e fino al 14 febbraio 
la capanna luminosa di Bernardo Palazzo, Luzzart APS e Syncretic Agency risplende in piazza Pellegrino Rossi

#borghidiluce  #cisternino  #natale2020

---

La Natività nel bosco dei sette bauli è la nuova installazione scenografica realizzata da Bernardo Palazzo, Luzzart APS e SYNCRETIC, con il sostegno dell’amministrazione di Cisternino, in grado di unire bellezza, tradizione e innovazione, rievocando atmosfere portatrici di comunità, solidarietà e prosperità.

Nella Piazza Pellegrino Rossi sarete avvolti da un’atmosfera fiabesca e campestre. Grandi balle di fieno, tipiche dei campi di grano pugliesi del periodo estivo, dominano la piazza assieme a piccoli boschi di quercia, caratteristico albero della Valle d’Itria e simbolo di forza e resistenza.

Il percorso alberato vi condurrà così ad una grande capanna luminosa, un tempio di oltre quattro metri che trapela ombra e luce, realizzata con i classici merletti artigianali che già ci hanno tenuto con il naso all’insù quest’estate, e la cui arte è praticata da tempo da donne pugliesi e di tanti luoghi d'Europa. 

La capanna è composta da elementi a forma di petali che, moltiplicati, creano una struttura frattalica che si basa sulla teoria del numero 3 e del triangolo, elemento geometrico di grande forza richiamato dalla Trinità (Padre – Figlio – Spirito Santo) e dalla Natività (Madre – Padre – Figlio) e che rappresenta la continuità e l’infinito. Natività che nella capanna è accolta in un abbraccio forte ma delicato ed è immersa nel grano, che da sempre rappresenta ricchezza e fertilità.

Durante il tragitto verrete accompagnati da un tappeto sonoro che vi trasporterà in diverse epoche e aree del mondo attraverso canti e suoni di vita quotidiana.

Nel corso della durata dell’installazione appariranno sette bauli celesti ognuno dei quali, come uno scrigno, custodirà un elemento da preservare per l’Umanità. Come l’acqua che rappresenta la vita o il grano la prosperità.

Filo sottile in grado di connettere e valorizzare i diversi elementi è la Luce. Emanata dalle installazioni e da punti luminosi che valorizzano gli elementi naturali e le architetture, la luce dona una scenografia unica, trasportando il visitatore in una nuova dimensione.

Non a caso il nome del progetto artistico è Cisternino Borgo di Luce!  Dove il borgo incontra la luce attraverso l’Arte. Arte che porta luce nella vita di ognuno di noi e contribuisce alla rinascita della comunità, soprattutto dei piccoli borghi.

---
L’installazione è visitabile tutti i giorni sino al 14 febbraio 2021, nel rispetto delle normative COVID19. 
Ingresso libero.

Ingresso principale: Corso Umberto I - Piazza Pellegrino Rossi

---
Seguici su:

Facebook: Luzzart - Syncretic Agency APS e Bernardo Palazzo designer
Instagram: @borghidiluce @bernardo_palazzo_gallery
Hashtag: #borghidiluce  #cisternino  #natale2020

Per info: luzzart.info@gmail.com; +39 347 1611296

---
Mila Ufficio Stampa: 

Alessandra Montemurro: +39 328 951 8532
Michela Ventrella: +39 349 526 0370

---
BORGHI DI LUCE

Borghi di Luce è un’azione scenica che porta il pubblico a vivere con emozione il borgo ospitante dell’installazione artistica, stimolando l’interazione tra persone, spazi, architetture e paesaggio, quali elementi di un unico territorio, favorendo una convivenza armoniosa degli elementi che lo abitano.

Partendo dalla Valle d’Itria intendiamo valorizzare i borghi e le campagne attraverso installazioni artistiche e luminose, realizzando così un museo d’arte a cielo aperto e fruibile da tutti.

---
VISIONE

“Come il mare in tempesta logora onda dopo onda la scogliera, così giorno dopo giorno il Corona Virus continua a sgretolare le certezze di ognuno, rendendo incerto il futuro e scoraggiando ogni investimento presente.

In noi, tuttavia, sopravvive una Certezza,  in grado di illuminare il sentiero nel qui e ora: la potenza dell’Arte e della Cultura 
come strumento di bellezza e di rinascita, generatrice di economia reale e coesione civile.

E maggiore è la restrizione della libertà individuale per il bene comune, tanto più deve essere l’investimento in azioni per favorire la rinascita personale e collettiva.

Solo seminando nella giusta stagione sarà possibile godere del raccolto tanto atteso.”

Luca e Bernardo Palazzo